mercoledì 31 agosto 2016

NON ESISTONO PAROLE BELLE PER DESCRIVERE QUANDO UN UMANO STA BENE DA SOLO, COSì IO INVENTO LA "SOLITARIETA'"


E' da tempo che penso che in italiano non esistono parole con carica positiva a descrivere la condizione di star da soli. E' vero, noi umani siamo animali nati per stare in branco, per protezione, per cooperazione, per amore. Crescendo però si sviluppa un diverso approccio con se stessi e ci si stanca di dover fare coincidere il proprio campo energetico con quello degli altri. Così si apre lo spazio interiore e ci si abbandona alla ricerca di tesori inestimabili nascosti dentro il cuore, Così si scopre che l'amore che avevamo sempre ed inutilmente ricercato fuori, ha un suo preciso linguaggio interiore, e ci impegneremo a imparare una nuova grammatica, quella della solitarietà, il piacere infinito di starsene soli. 
La parola solitudine è ugualmente molto bella, ma ha tantissime sfumature e significati di estraniamento, isolamento, che quando devo descrivere una persona serena ed in pace con se stessa, che non ha bisogno necessariamente di vivere una relazione, non riesco ad usare solitudine. Così ho preso l'aggettivo solitario, che ha comunque un'accezione triste, e da lì mi è venuto spontaneo coniare questo termine, anche se non so in effetti se qualcuno ci abbia pensato prima di me.
Nella solitarietà, cioè nella condizione di star bene e volentieri da soli, vita può assumere un ritmo estremamente amorevole, senza interruzioni, nel costante ascolto del corpo e dei moti dell'animo. Non si tratta di tagliare i ponti con gli altri in senso lato, ma di apprezzare un incontro con noi stessi, senza più metterci in confronto, o camminare ancora sui sentieri delle dipendenze. Arriva un certo momento in cui ci guardiamo intorno e vogliamo profondamente innamorarci della persona più importante della nostra vita, noi stessi. Sarà da questa base che poi potremo attirare una persona risolta che sappia condividere il suo cuore con noi. Ciò accade quando noi siamo perfettamente comodi dentro il nostro cuore, abbiamo accettato le sue luci ed i suoi pesi, abbiamo imparato a liberarcene. Non sto dicendo che non incontreremo la persona migliore per noi finché non saremo guariti dentro. Il fatto è che se vogliamo una relazione totale, è necessario star bene dentro di noi, altrimenti continueremo a proiettare i nostri bisogni fuori.
La solitarietà sdogana tutte le strutture mentali che ci vogliono necessariamente incastrare dentro ruoli sociali. E' una modalità in cui il nostro giudice interiore che ci dice che non siamo abbastanza bravi, buoni o belli per essere felici, si azzera, perché possiamo sentirci poco buoni, bruttini e impacciati ma ci sta più che bene, e faremo con quello che c'è!
Chiunque noi siamo, qualunque cosa stiamo facendo, tutto è perfetto così com'è! Siamo nati per questo.
Stefania Gyan Salila

giovedì 24 marzo 2016

LA COSCIENZA COSMICA - estratto da AUTOBIOGRAFIA DI UNO YOGI di PARAMAHANSA YOGANANDA


"...Nell'antichità, gli yogi scoprirono che il segreto della coscienza cosmica è intimamente legato al controllo del respiro. .... La forza vitale, che normalmente è impegnata a sostenere l'azione del cuore, deve essere liberata dalle sue funzioni inferiori per svolgere attività più elevate, grazie ad un metodo che rallenta e infine arresta le incessanti sollecitazioni del respiro" spiegava Sri Yukteswar ai suoi allievi.
Il kriya yogi dirige mentalmente la propria energia vitale, facendola ruotare verso l'alto e verso il basso, attorno ai sei centri spinali (i plessi midollare, cervicale, dorsale, lombare, sacrale e coccigeo) che corrispondono ai dodici segni astrali dello zodiaco, il simbolico uomo cosmico. ....
L'organismo astrale dell'essere umano, con sei costellazioni interiori (dodici per polarità) che ruotano intorno al sole dell'onnisciente occhio spirituale, è in correlazione con il sole fisico e con i dodici segni dello zodiaco. Tutti gli esseri umani subiscono così l'influenza di un universo interiore e di uno esteriore. 

 PARAMAHANSA YOGANANDA

www.ananda.it

martedì 22 marzo 2016

LA MANIFESTAZIONE DEL RESPIRO DEL CUORE - VIDEOCONFERENZA SU "GRAN CAMBIAMENTO ITALIANO", 22.03.2016



La manifestazione del Respiro del Cuore
Il passaggio dal Fare all'Essere

Ognuno di noi possiede i giusti strumenti per costruire una via interiore verso la serenità e la pace. Acquisire uno stato di calma e di silenzio può essere molto più semplice di quello che si pensa. Durante l'intervista Stefania Marinelli, esperta di Astrologia, Consulente di Aura-Soma e Ricercatrice Spirituale, spiegherà come riuscire a contattare le risorse innate che giacciono dentro di noi, nascoste sotto gli strati del disamore. Partendo da uno stato di irrequietezza e di disagio, si può partire a fare chiarezza per trovare la Voce dell'Angelo che vive in noi, la nostra parte più profonda e luminosa.

Stefania Marinelli nasce a Pesaro nel 1965. Da vent'anni si occupa di Astrologia Intuitiva, una modalità nuova, centrata sul cuore e sul sentire. Grazie ad una forte sensibilità ed empatia, Stefania si allinea con il campo energetico delle persone per aiutarle a trovare le risposte necessarie, mettendo a disposizione le sue conoscenze relative a varie discipline di auto-conoscenza (Sistema Aura-Soma, Calendario delle 13 Lune, Tarocchi Evolutivi). Potete seguirla sul suo blog ashtalan.blogspot.com o sulla Pagina Facebook Stefania Marinelli, dove pubblica quotidianamente l'Oracolo del Calendario delle 13 Lune e settimanalmente l'Astrobollettino. Per contatti diretti: ashtalan@me.com

Stefania Marinelli offre consulenze individuali di Astrologia Intuitiva e di Astrologia Maya, ed anche Consulenze in Aura-Soma, di cui ha conseguito la formazione fino al 3' livello. Per contatti ed appuntamenti: ashtalan@me.com




martedì 26 gennaio 2016

LA MATRICE CREATIVA - COME DIAMO VITA A CIO' CHE DIVENTA ESPERIENZA



Entriamo in un Volo dell'Immaginazione. Sedetevi ed immaginate. Immaginate di riuscire a raggiungere uno stato di quiete assoluto. Davanti a voi si viene a formare uno schermo che però non è piatto, ma ha forma di un tunnel, cavo e profondo, mobile come una camera del vento, le cui pareti sono morbide e permeabili.
Nello stato di quiete che avete raggiunto la vostra mente viaggia e pensa. I pensieri sono come onde con un peso ed una consistenza. Le onde trasmesse dall'attività cerebrale sulle pareti del tunnel imprimono sulla superficie un disegno che piano piano diventa dapprima bidimensionale, poi, spostandosi per la lunghezza del tunnel acquisiscono forza a causa della ripetizione fino a diventare tridimensionali. Quelle immagini diventano la nostra realtà di esperienza.
La vostra mente racchiude convinzioni, credenze, condizionamenti, strutture, concetti, idee, pregiudizi, paure. Queste onde vengono costantemente emanate sullo schermo cavo davanti a voi e imprimono una traccia sulla matrice della vostra realtà. che si viene a creare grazie alla forza che noi diamo alle nostre convinzioni, ai  nostri pensieri ed alle nostre paure. 
Consideriamo che per la maggior parte del tempo non siamo consapevoli di questo traffico interiore a livello cerebrale, che quindi opera nell'inconscio. I nostri pensieri ci dominano, le nostre paure ci limitano, e se non ne siamo consapevoli, essi creano la nostra realtà, ogni singola esperienza.
Ecco perché è importante conoscere bene se stessi ed essere presenti a ciò in cui crediamo, all'idea che abbiamo di noi stessi. 
Quanti di noi stanno cercando il proprio posto nel mondo? Un ruolo? L'amore? I soldi? 
Chiedetevi: che rapporto ho con l'abbondanza?
Quanto mi sento di meritare amore?
Quanto mi amo?
Pochi si fanno queste domande, forse anche perché molti non sanno cosa rispondere. Ma farsi domande è l'inizio del cammino per cominciare a cambiare l'onda che si imprime sulla matrice che crea la realtà.
Intanto iniziamo ad amarci, a scegliere noi stessi, a dire tanti NO terapeutici. Iniziamo a respirare, ad attivare le preziose correnti interiori che ci collegano con la Vita stessa. 
Se può aiutarvi, immaginate di praticare un foro nella diga che avete costruito dentro e immaginate che l'acqua stagnante piano piano esca. Poi respirate con coraggio e guardate come la vita cambia.
Dentro di noi vive una parte dorata, il Sé Superiore, qualcosa di molto prezioso, a rappresentare l'Essenza primigenia che ci abita. Esso è la Fiamma Divina che splende nel Cuore e anima tutto il nostro sistema umano.
Anche il Sé Superiore lavora nell'inconscio e a sua volta emette onde, molto più lente e lievi di quelle prodotte dalla mente. Il fulcro dell'attività di emanazione del Sé Superiore è il disegno dell'Anima. Più siamo consapevoli di chi siamo lungo la Linea del Tempo (passato, presente, futuro), più saremo dentro la nostra missione dell'anima lungo la Linea del Tempo e maggiormente riconosceremo le esperienze di apprendimento. Questo porta ad allinearci con il nostro Progetto Originario, mettendo la mente al servizio del Sé Superiore, così da creare fuori nel mondo una struttura che permetta la manifestazione della nostra maestria, cioè portare nella realtà il Maestro che incarniamo. Perché siamo tutti Maestri, tanto per citare Saint-Germain, e questo è il momento di ricordarselo.
Stefania Gyan Salila

martedì 29 luglio 2014

GIORNO 14 DI CHAKRA BREATHING - PULIZIA PROFONDA


Sono due settimane che ho iniziato il ciclo di respiro nei Chakra attraverso la meditazione dinamica di Osho "Chakra Breathing". Arrivata a questo punto, ogni nuova seduta a cui mi sottopongo porta meraviglia e stupore. Ormai andare a respirare per un'ora intera dentro ciascun chakra, rivitalizzando così tutti gli organi legati ad ogni specifico chakra, è come un appuntamento imperdibile.
E' un appuntamento necessario, perché in quel respiro circolare confluisce tutto: le mie emozioni, il mio vissuto quotidiano, dubbi che vengono chiariti, domande che trovano una risposta. E' così: nella libera circolazione del respiro mi arrivano chiarezza e risposte, qualunque sia il dubbio o la domanda che si è presentata.
Ora però il livello è sceso nella profondità del corpo ed a forza di essere ossigenati, gli organi interni lasciano uscire le tossine che si erano calcificate dentro da una vita intera. Avverto una nuova leggerezza, ma anche tanti nuovi dolori fisici, come se finalmente fossi in grado di sentire il mio corpo, cosa che prima mi era impossibile perché ero troppo proiettata nella mente.
Mangio meno e lascio che il corpo mi chieda ciò di cui ha bisogno. Stanotte ho dormito 11 ore, andando a letto senza cena. Mi sono lasciata fluire in una dimensione di leggerezza, affinché il sonno portasse guarigione agli organi che avevano eliminato tante scorie nella respirazione conclusasi poco prima di cena.
Sento chiaramente il potere di trasformazione e trasmutazione a cui mi sto sottoponendo, è un processo irreversibile e di una bellezza travolgente. Sono in ascolto di tutta la mia Essenza e sono grata all'Universo per questa meravigliosa opportunità che mi è arrivata e sono grata a me stessa per averla colta al volo.
Questo è un link di Youtube dove si illustra questo tipo di respirazione, che necessita della sua musica, perché è una meditazione guidata. 
Questo altro link è utile per chi vuole approfondire.
Stefania Gyan Salila  

domenica 27 luglio 2014

GIORNO 13 DI CHAKRA BREATHING - IL RESPIRO DEL CORPO


Erano due giorni che non riuscivo a trovare il tempo per fare la Meditazione del Respiro nei Chakra. La cosa bella è stato scoprire che la barriera abbattuta a livello del terzo chakra due giorni fa è proprio andata. Il respiro ora scorre libero e dove prima c'era fatica di rimanere nei primi tre chakra, adesso è tutto molto più leggero, più fluido.
Il corpo asseconda benissimo il ritmo del respiro e si muove come una farfalla. Ora il respiro arriva ovunque, le braccia sono come ali ed i polmoni sono in ogni punto del corpo, nella pancia, nei reni, e l'aria si espande, dentro e fuori. Tutto è freschezza e risveglio.
Anche quando non sono in meditazione, il respiro non si ferma più a metà, ma mi avvolge completamente.
Sto arrivando al nocciolo.
Stefania Gyan Salila 

giovedì 24 luglio 2014

GIORNO 10 DI CHAKRA BREATHING - CADE LA BARRIERA


Sono quasi a metà percorso del ciclo di 21 giorni del respiro dentro i chakra, la meditazione dinamica di Osho chiamata Chakra Breathing, il profondo allineamento che si ottiene tra tutti i centri energetici che si trovano lungo la colonna centrale del nostro corpo, dalla Radice alla Corona.
Devo dire che negli ultimi due giorni ciò che si era mosso di più era la Visione, che si apriva nel momento della ricezione del messaggio, appena terminati i tre percorsi su e giù lungo le 7 Sacre Ruote. E' anche vero che durante la respirazione arrivano illuminazioni pertinenti su contenuti in sospeso relativi alla vita quotidiana.
Ma oggi è stato meraviglioso! Mi sono permessa di spingere il respiro lasciandomi andare con forza alla spontaneità della vita che premeva per affermare se stessa, nel momento in cui sono arrivata al Chakra del Cuore e dopo aver superato la difficoltà che trovo sempre quando respiro nei primi 3 chakra.
Il Chakra del Cuore mi ha detto: ci penso io! e lì ho lasciato andare il respiro e lui ha rotto la barriera tra le due metà del corpo, nel punto mediano dove i due cerchi dell'otto si uniscono tra sfere superiori e sfere inferiori (numerologicamente sono un 8, quindi ritrovo questa conformazione anche a livello sottile).
Mi sono sentita molto unita, integra, libera e scorrevole, fluida.
La vita è meravigliosa e io sono qui per prenderne il meglio!
Stefania Gyan Salila